LE ANATRE TUFFATRICI - La Moretta comune e il Moriglione

LE ANATRE TUFFATRICI
Alcune anatre sono particolarmente abili nel nuoto subacqueo, si tratta delle cosiddette anatre tuffatrici*, a cui appartengono molte specie tipiche delle regioni nordiche**. Alcune di esse sono anche osservabili alle nostre latitudini, soprattutto nel periodo invernale e tra tutte, la Moretta comune è l’unica specie con nidificazione accertata all’interno del Parco.
Andiamo a scoprire alcune delle più curiose caratteristiche di questo gruppo di animali e conosciamo meglio due delle specie più facilmente osservabili nelle nostre regioni: il Moriglione e la Moretta comune.
A differenza delle anatre più comuni nelle nostre regioni come il Germano reale e l’Alzavola, questi uccelli sono in grado immergersi completamente e di nuotare sott’acqua alla ricerca del cibo. Sono tuttavia anche abili volatori, tanto che le popolazioni nordiche compiono lunghe migrazioni nel periodo invernale.
A differenza delle anatre di superficie, che spiccano rapidamente in volo dall’acqua, le anatre del genere Aythya tendono ad avere un decollo più difficoltoso e che necessita di una 'ricorsa' a pelo d’acqua, accompagnata da serie di rapidi colpi d’ali.

La figura 1 mostra un maschio di Moriglione.

Le anatre tuffatrici non camminano bene sul suolo come quelle di superficie; le loro zampe sono poste in posizione molto arretrata rispetto al corpo, caratteristica che consente loro di nuotare con agilità ma che le penalizza sulla terraferma. Anche altri uccelli acquatici abili nel nuoto subacqueo presentano la stessa caratteristica anatomica (es. gli svassi e le strolaghe). Si tratta di un tipico un tipico esempio di convergenza evolutiva: animali diversi e non appartenenti al medesimo gruppo sistematico, mostrano caratteristiche e comportamenti simili, atti a sopravvivere nel medesimo contesto.
Come anticipato, tra le specie di anatre tuffatrici più diffuse in Piemonte, troviamo la Moretta comune e il Moriglione. La prima è anche presente con piccole popolazioni nidificanti mentre il secondo è strettamente migratorio e di conseguenza puó essere avvistato solo in inverno.

Moretta comune (Aythya fuligula)*
È una piccola anatra tuffatrice tipica dell’Eurasia settentrionale e il suo habitat riproduttivo è caratterizzato da ambienti paludosi, laghetti con ricca vegetazione lungo le sponde o ancora da lagune costiere. La Moretta comune si nutre principalmente in immersione, cibandosi di piccoli animali e di piante acquatiche. Il suo aspetto è inconfondibile: entrambi i sessi presentano un piumaggio scuro, nero nel maschio e interrotto sui fianchi da un’evidente macchia bianca, marrone scuro nella femmina con fianchi più chiari rispetto al dorso e al capo. All’osservazione ravvicinata, nel maschio si possono poi apprezzare alcuni caratteri curiosi: l’occhio giallo, il becco grigio-bluastro e soprattutto una cresta posta nella parte posteriore del capo.

La figura 2 mostra due maschi di Moretta comune.

Una grande porzione della popolazione di questa specie mostra un comportamento migratorio: gli individui che nidificano nelle zone più nordiche del continente euroasiatico, svernano nelle aree sudoccidentali dell'Europa e nell'Asia meridionale. Altre popolazioni di Moretta comune invece sono prevalentemente stanziali ed occupano svariati siti dell’Europa meridionale e del bacino mediterraneo, mostrando quindi una elevata plasticità adattativa a contesti differenti.


La figura 3 descrive distribuzione globale della Moretta comune

La Moretta presenta una popolazione globale stimata tra 2,600,000-2,900,000 individui (Wetlands International 2015). La popolazione europea e valutata in circa 1,100,000-1,480,000 individui adulti (BirdLife International 2015). In Italia è migratrice regolare, svernante e nidificante scarsa ed irregolare, con poche coppie, distribuite soprattutto nelle regioni settentrionali. La popolazione svernante nel nostro Paese è stimata intorno ai 6.000 individui.
La presenza di questa specie nel Parco del Monviso è confermata in tutti i mesi dell’anno con un lieve incremento numerico in inverno. L’osservazione di individui nei mesi primaverili testimonia la presenza di una piccola popolazione stanziale e la recente osservazione di pulli nel mese di luglio 2018 conferma la nidificazione della Moretta comune all’interno delle aree umide di pianura del Parco.


la figura 4 illustra le osservazioni di Moretta comune nelle aree umide del Parco del Monviso durante l'anno 2018. In arancione il numero di pulli.

Moriglione (Aythya ferina)
Il Moriglione è un’anatra tuffatrice di medie dimensioni e dall’aspetto appariscente e inconfondibile nel maschio, dove è presente un piumaggio rosso sul capo, con petto e coda nera e fianchi e dorso grigio chiaro. La femmina è marrone con fianchi e dorso chiari similmente al maschio ma con contrasti meno netti. Come la Moretta comune, anche questa specie si nutre in immersione di invertebrati e piante acquatiche.

La figura 5 mostra 4 femmine di moriglione si allontanano dalla riva del lago.

L’areale riproduttivo si estende alle dalle Isole Britanniche e Scandinavia, all’Asia centrorientale. Sono inoltre note alcune popolazioni isolate che nidificano nell’Africa nord-occidentale ed in Turchia.
Il moriglione mostra un comportamento spiccatamente migratorio per la quasi totalità della sua popolazione globale. Fanno eccezione solo gli individui che si riproducono nell’Europa centro-meridionale (parzialmente migratori) e quelli nidificanti nel Regno Unito che sono essenzialmente residenti.
Il Mediterraneo ospita uccelli provenienti dall’Europa centrale, Balcani ed e Russia centromeridionale. Modesti contingenti svernano nell’Africa subsahariana, Sudan ed Etiopia.

La figura 6 illustra areale distributivo del Moriglione.

La popolazione globale è stimata circa 1.950.000-2.250.000 individui (Wetlands International 2012) ma la tendenza generale della popolazione è in diminuzione. In Europa si stima che la popolazione di Moriglione abbia subito una contrazione del 30-49% in 22,8 anni (tre generazioni - BirdLife International 2015). L'Europa detiene tra il 35% (nidificanti) e il 40% (svernananti) della popolazione mondiale, quindi questi declini sono significativi e devono essere monitorati con attenzione per valutare eventuali azioni su scala locale e globale per la conservazione di questa specie.
In Italia il Moriglione è presente come migratore regolare svernante e nidificante. Sono noti in letteratura pochi siti di nidificazione italiani, distribuiti tra Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Sicilia e Sardegna.
Nel Parco del Monviso il Moriglione è una presenza costante nei mesi invernali ma sempre con pochi individui. Non sono note infine nidificazioni nelle aree umide del Parco per questa specie.

La figura 7 illustra le osservazioni di Moriglione nelle aree umide del Parco - anno 2018.


Note:
* Gli Aythyini sono una tribù di uccelli della famiglia Anatidae. Sebbene questo gruppo sia cosmopolita, la maggior parte delle specie sono originarie dell'emisfero settentrionale.
** Sebbene la maggiorparte delle anatre tuffatrici siano tipiche delle regioni boreali fredde, esistono anche alcune specie anche nell’emisfero australe (es. moretta australiana e moretta di Nuova Zelanda) e nelle regioni tropicali (la rarissima e minacciata moretta del Madagascar) . Queste specie meridionali non migrano, sebbene la moretta australiana viaggi su lunghe distanze a seconda delle piogge.
*** Il nome scientifico deriva dal termine greco antico 'aithuia' riferito a un uccello marino tuffatore (oggi indefinito) spesso citato da svariati autori classici fra cui Esichio e Aristotele (es. nell’Odissea, Ulisse viene salvato dall’annegamento da Ino trasformatasi in 'aithuia'). L’epiteto specifico deriva invece dal latino: 'fuligo' - fuliggine e 'gula' - gola.

Fonti:
Spina F. & Volponi S., 2008 - Atlante della Migrazione degli Uccelli in Italia.
1. non-Passeriformi. Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,
Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).
Tipografia CSR-Roma. 800 pp.

https://www.iucnredlist.org/
https://it.wikipedia.org/wiki/Aythya_fuligula
https://it.wikipedia.org/wiki/Aythya_ferina

Immagini:
Fig. 1,2 e 5 Roberto Ostellino
Fig. 3 AREALE MORETTA iucn redlist - https://www.iucnredlist.org/species/22680391/86013549#external-links
Fig. 6 AREALE MORIGLIONE
SanoAK: Alexander Krthy [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], via Wikimedia Commons
Fig. 4 e 7 - Grafici archivio Parco Monviso


Maschio di Moriglione>>>
Maschi di Moretta>>>
Areale globale della Moretta comune>>>
Osservazioni di Moretta comune nel Parco del Monviso - 2018>>>
Osservazioni di Moriglione nel Parco del Monviso - 2018>>>

Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni di giugno nel Parco del Monviso

A giugno sono quattro le proposte escursionistiche del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus. Si tratta di due escursioni di un giorno, inserite nel calendario degli 'Eventi Leonardiani' promossi dal Comune di Barge per celebrare il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci, di un weekend nella qui

Sabato 18 maggio due Laboratori di Tecniche di lavorazione Neolitiche

Appuntamento speciale con la mostra «La Giada del Monviso» sabato 18 maggio: a partire dalle 10.30 si terranno dimostrazioni pratiche delle tecniche neolitiche di lavorazione della pietra.
I partecipanti potranno osservare ma anche provare e sperimentare le tecniche utilizzate dall'uomo neolitico per forare, incidere, levigare l

Una ricercatrice di Shangai in Parco per studi e scambi di esperienze su buone pratiche di sviluppo

Mercoledì il Parco del Monviso ha ricevuto presso la sede di Saluzzo la signora Anna-Paola Pola, una ricercatrice dell’Università Tongji di Shangai che lavora presso il Centro di Ricerca e formazione World Heritage Institute of Training and Research for the Asia and the Pacific Region.
Da più di tre anni si sta oc

Successo per il convegno e il primo weekend della mostra sulla Giada del Monviso

Pubblico da tutto esaurito per il convegno dedicato alla Pietra Verde. E' seguita l'inaugurazione della mostra «La Giada del Monviso. Dalla Montagna al centro dell’Europa di 7000 anni fa»: 'un’opportunità unica per vivere una vera e propria immersione nel mondo del Neolitico', commenta il Presidente del Parco del Monv

Inaugurato il Centro per lo Studio dei Fiumi Alpini

'Un Re di Pietra in splendida forma ha tenuto a battesimo oggi - 9 maggio - a Ostana l'inaugurazione del nuovo Centro per lo Studio dei Fiumi Alpini che, sotto l’egida del Parco del Monviso, vede la collaborazione dei tre atenei piemontesi e ha già raccolto adesioni da altre università italiane e internazionali' illustra il nost

Il CeSMAP e la Pietra Verde del Monviso

CeSMAP, Centro Studi e Museo d’Arte Preistorica,
Museo Civico di Archeologia e Antropologia di Pinerolo

Il CeSMAP di Pinerolo è stato fondato nel 1964 per proseguire gli studi archeologici nel territorio delle Alpi Occidentali e nel Pinerolese che erano iniziati fin dalla seconda metà dell'Ottocento ad oper

Corri e raccogli... KCR

Il Parco è a fianco di Roberto Cavallo nella sua Keep Clean and Run dalle sorgenti del Po di Pian del Re fino alle foci del Grande Fiume nei comuni Porto Tolle e Comacchio.
'Durante questa lunga corsa Roberto e chi lo accompagna prende e raccoglie i rifiuti che incontra. L'obiettivo è quello di sensibilizzare grandi e piccini s

Al via i Trofei MaB 2019

La Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso organizza la terza edizione dei Trofei MaB, un concorso per premiare iniziative locali di eco-cittadinanza innovative e creative. La Riserva della Biosfera vuole infatti incoraggiare la realizzazione di progetti che rappresentino degli esempi di buo-ne pratiche per lo sviluppo sostenibile, di i

Prolungata la chiusura della Grotta di Rio Martino

Prevista per inizio aprile, la riapertura annuale della Grotta di Rio Martino era stata posticipata fino al termine del mese per una serie di concause già comunicate in precedenza, tra le quali la presenza nella cavità ipogea di un fungo, lo Pseudogymnoascus destructans, che puó far insorgere nei pipistrelli una grave patologia

Il sottobosco

In questo periodo dell’anno iniziano a spuntare le prime foglie degli alberi e le foreste si ridestano, colorandosi di tenui o brillanti colori verdi, frutto dei primi germogli che fanno capolino tra i rami.
C’è qualcuno peró che si è dato da fare ben prima degli alberi; si tratta del popolo del sottobosco: u

Il Parco del Monviso diventa più grande

Il Consiglio Regionale ha recentemente riconosciuto oltre 10.000 ettari di nuove aree protette e l'istituzione di nuove riserve naturali in tutta la regione, attraverso una nuova modifica alla legge numero 19 del 2009 relativa ai Parchi.
Per effetto della legge, l'estensione complessiva delle aree naturali protette del Piemonte superer&agrav

Fino al 26 maggio a Ostana la Mostra ''Insecta''

Inaugurata domenica 3 marzo, l’allestimento della mostra 'Insecta XXL - Still Life' presso il Centro Lou Pourtoun di Ostana, proseguirà fino al 26 maggio 2019.
La mostra, curata dall’appassionato entomologo Sergio Rastelli, è stata realizzata dal Museo regionale di Scienze Naturali di Torino e si compone di pi&ugrav

Il Parco alla Settimana della Scienza

Da lunedì 11 a venerdì 15 marzo si tiene a Saluzzo la dodicesima edizione della 'Settimana della Scienza', iniziativa nata per diffondere tra gli studenti e i cittadini una maggiore consapevolezza e conoscenza della cultura scientifica, riscoprendo la realtà locale. L’evento è organizzato dal Comune di Saluzzo in c

Musei del Parco - orari di apertura

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Con l'arrivo di marzo riapre il Museo del Piropo di Martiniana Po, dedicato alla geologia della Valle Po e al curioso minerale, il piropo appunto, che si trova, con queste caratteristiche di dimensioni e purezza, solo in questa zona. Il museo è aperto la domenica pomeriggio dalle 14

Al Parco...giochi e impari! Laboratori didattici per bambini e ragazzi

È in partenza una nuova iniziativa didattica realizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con l'associazione di Accompagnatori Naturalistici Vesulus, già responsabile delle attività escursionistiche promosse dal Parco e alla quale è affidata la gestione dei Centri visita dell’Ente.
I destinatari di qu

Le proposte di educazione ambientale 2019

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento